3 Testi teatrali sul Natale

Quando il Natale si avvicina, può venire la voglia di vedersi qualche film o spettacolo a tema natalizio. Qualcosa che possa dare spazio ai buoni sentimenti.


Il problema è che a volte questo tipo di storie rischiano di diventare scontate e poco coinvolgenti.

Chiunque di noi, durante il periodo natalizio si è ritrovato a vedere, suo malgrado, film o spettacoli teatrali dalla trama così piatta e smielata, da  risultare diabetica anche per chi, come la sottoscritta, è una persona dalla lacrima facile.

Per fortuna, in mezzo ai film e testi teatrali di bassa qualità, tre autori hanno dato vita ad altrettante storie davvero affascinanti, che riescono a farci riflettere sulla vita e su ciò che è importante, senza essere banali.

Si tratta di tre storie ormai davvero celebri, tuttavia sono così ben scritte e popolate da personaggi così ben riusciti, che ogni volta è proprio un piacere riguardarsele, gustarsele quasi come se fosse la prima volta.

 

regali di natale per attori

Il regalo perfetto per un attore o amante del teatro? Lo trovi nello Shop di Teatro per Tutti!

Natale in casa Cupiello, di Eduardo De Filippo

Se si parla di storie a tema natalizio, è impossibile non citare il capolavoro di Eduardo De Filippo, la tragicommedia “Natale in casa Cupiello“.


Protagonista della storia è la famiglia Cupiello e, in particolar modo, i due capostipiti: Luca e sua moglie Concetta.

Siamo al 23 dicembre e fervono i preparativi per la festa di Natale, particolarmente sentita da Luca Cupiello, che è impegnato nell’allestimento del suo prezioso presepe.

Tutta la storia si fonda, principalmente, sulla convinzione del protagonista di aver creato una famiglia felice e unita. Ma la realtà è ben diversa.

Il figlio minore di Luca, Ninniello, litiga continuamente con lo zio paterno Pasqualino e la primogenita, Ninuccia, intende lasciare il marito perché innamorata di un altro uomo.

Concetta nel corso della commedia fa di tutto perché il marito non si renda conto del dramma di Ninuccia e il pranzo di Natale possa svolgersi nel miglior modo possibile. Tuttavia, la verità trova sempre il modo di saltare fuori e la farsa che Concetta e gli altri vorrebbero portare avanti agli occhi di Luca ha vita breve.

La verità di Ninuccia viene a galla nel modo più terribile e feroce possibile. A pagarne maggiormente le conseguenze è proprio Luca, che gli crollerà il mondo addosso …

Come al solito, Eduardo De Filippo mescola insieme commedia e tragedia, portando alla luce una storia che tocca le corde dell’animo, facendole vibrare.

Una storia triste, sì, ma che sa anche far ridere.

Una storia che sembra suggerirci che nascondere la verità ai propri familiari, anche quando è davvero brutta, non è mai un bene.

 

 

 

Canto di Natale, di Charles Dickens

Non poteva certo mancare “Canto di Natale” di Charles Dickens. Un racconto davvero celebre, da cui sono stati tratti musical e svariate versioni cinematografiche.

Protagonista è un vecchio e ricco banchiere della Londra del 1843, Ebenezer Scrooge. Ha passato tutta la sua vita ad arricchirsi, lavorando duramente e tralasciando per questo gli affetti.

Ne consegue che, con il passare degli anni, Scrooge si è indurito, limitando al minimo i rapporti con il prossimo. Tutto, per lui, è infatti quantificabile in denaro e non c’è spazio per la generosità e i buoni sentimenti. Proprio per questo motivo odia molto il Natale, ritenendola una festa per gente fessa o fannullona.

Avido e avaro, pur di non spendere più del necessario e aggiungere denaro nella sua preziosa cassaforte, è disposto a risparmiare anche sul cibo e sul proprio vestiario, per cui è impensabile aspettarsi qualche gentilezza da parte sua.

Ma la notte della vigilia di Natale, mentre Scrooge tenta di prendere sonno, gli farà visita lo spirito di un suo ex socio che lo prega di cambiare atteggiamento nei confronti del denaro e delle persone e lo informa che, in quella stessa notte riceverà la visita di tre strane creature: lo spirito del Natale Passato, lo spirito del Natale Presente e lo spirito del Natale Futuro.

Inizia per il vecchio Ebenezer una sorta di viaggio nel tempo, in cui riuscirà a vedere se stesso da un punto di vista insolito: quello delle persone che lo circondano. E a poco a poco la durezza del suo carattere si sgretola lasciando posto ad uno Scrooge nuovo.

Accumulare denaro e ricchezze, anche a danno dell’altro, è una tentazione che può solleticare chiunque. Per quanto si possa cercare di negarlo, tutti noi vorremmo poter nuotare in mezzo  montagne di soldi, come Paperon de Paperoni. E è per questo che il racconto di Dickens è ancora tanto attuale.

“Canto di Natale” ci insegna a non fare e a non accettare le ingiustizie, anche e soprattutto se queste potrebbero portarci dei vantaggi.

Dietro ad un racconto fantastico sul Natale, Dickens esprime una dura e spietata critica al capitalismo. Ed è per questo che “Canto di Natale” piace moltissimo a grandi e piccini.

 


 

Regalo di Natale, di Pupi Avati

Regalo di Natale” è in origine uno dei film più interessanti e famosi dello sceneggiatore e regista Pupi Avati, che recentemente però ha avuto anche una sua versione teatrale.

Protagonisti della storia sono un gruppo di quattro uomini, amici da una vita, che hanno deciso di passare la notte di Natale insieme, giocando a Poker.

Hanno invitato però anche una quinta persona, un ricco industriale facoltoso, celebre per le sue perdite al gioco. Quest’ultimo è infatti il “pollo” da spennare.

Sul rotondo tavolo verde del poker ci sono in ballo un sacco di soldi, ma anche le vite delle quattro simpatiche canaglie. Ognuno di loro ha alle spalle una vita fatta di sconfitte, rimpianti, menzogne e vorrebbero riscattarsi con la vincita in denaro che poi si spartiranno.

Il “pollo” da spennare, dal canto suo, è una persona molto misteriosa e dimostra di non essere per niente una facile preda. La partita si fa ben presto insidiosa, soprattutto per uno dei quattro amici, l’unico che economicamente può davvero battersi con il ricco e ambiguo industriale.

Il poker, un gioco in cui l’astuzia e la menzogna la fanno da padroni, è metafora della vita e di come un sentimento tanto nobile come l’amicizia, possa essere minato irrimediabilmente da bugie e tradimenti.


E il fatto che questa partita di poker sia giocata proprio durante la notte di Natale, sottolinea ancor di più quest’amara riflessione.

Regalo di Natale è una storia che, sebbene riesca a farci ridere grazie alle battute scherzose e sarcastiche dei protagonisti, ci lascerà con una buona dose di amaro in bocca e con in testa una bella riflessione sul valore dell’amicizia.
 


 

Qual è il tuo testo teatrale sul Natale preferito?

Personalmente, durante le festività natalizie, mi fa davvero piacere rivedere una di queste tre storie, ma sono sicura che ce ne siano tantissime altre degne di essere viste e conosciute!

Tu quale “storia di Natale” preferisci? Dimmelo, scrivendolo nei commenti e… Buon Natale!

 

 

 


Ti è piaciuto l'articolo?

Per non perderti i prossimi, puoi seguirci su:

Teatro per Tutti

it_ITItalian
it_ITItalian