Che cos’è la Giornata Mondiale del Teatro?

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Qualche giorno fa, scorrendo svogliatamente la home di Facebook sul cellulare, mi è capitato di vedere un simpatico stato di un mio contatto, in cui ironicamente si chiedeva “Che giornata mondiale è oggi?”


In effetti, negli ultimi tempi, proprio grazie all’avvento dei Social, la questione della varie “giornati mondiali” è entrata nel quotidiano di ognuno di noi. Praticamente ogni giorno della settimana scopriamo che esistono giornate e ricorrenze dedicate a tantissime situazioni e argomenti diversi.

Ma per chi ama il teatro, esiste una giornata mondiale che vale più di tutti. È la “Giornata Mondiale del Teatro”.

Ma che cos’è questa giornata? Come è nata e perché?

La Giornata Mondiale del Teatro: un po’ di Storia.

La Giornata Mondiale del Teatro nasce nel 1961 per iniziativa dei componenti del IX Congresso dell’Istituto Internazionale del Teatro. In particolar modo, la proposta di istituire a livello mondiale una giornata per il teatro è arrivata dal drammaturgo Arvi Kivimaa a nome del Centro Finlandese. L’idea piacque così tanto, che a partire dal 27 Marzo 1962 si celebra ogni anno la “Giornata Mondiale del Teatro”.

L’Istituto Internazionale del Teatro

L’Istituto Internazionale del Teatro (International Theatre Institute) è nato all’indomani della Seconda Guerra Mondiale, nel 1948.


Si tratta della più grande organizzazione internazionale non governativa dedicata al teatro ed è stata fondato a Parigi dall’UNESCO e da importanti personalità del teatro di allora.

l’I.T.I. attraverso, e non solo, l’istituzione della Giornata Mondiale del Teatro si propone di incoraggiare gli scambi internazionali nel campo della conoscenza e della pratica delle Arti della Scena, stimolare la creazione ed allargare la cooperazione tra le persone di teatro,sensibilizzare l’opinione pubblica alla presa in considerazione della creazione artistica nel campo dello sviluppo, approfondire la comprensione reciproca per partecipare al rafforzamento della pace e dell’amicizia tra i popoli, associarsi alla difesa degli ideali e degli scopi definiti dall’U.N.E.S.C.O.

Gli ideali e gli scopi principali dell UNESCO sono il rispetto universale per la giustizia, per lo stato di diritto e soprattutto il rispetto universale per i diritti umani e le libertà fondamentali.

Cosa significa, oggi, la Giornata Mondiale del Teatro

Oggi forse tutte queste parole sembrano vuote o, al massimo, qualcosa di banale. Ma non dobbiamo fare questo enorme errore di valutazione.

Per noi cosidetti “occidentali” è normale poter parlare ed esprimere la nostra opinione su qualsiasi cosa inerente la nostra realtà. Per noi è normale innamorarci di chi vogliamo e sposarcelo. Provare a realizzarci (e magari riuscirci) nel lavoro che abbiamo sempre sognato. Per noi è normale chiedere di ottenere giustizia, se subiamo un torto o un crimine. Ma in tantissime parti del mondo, quello che noi consideriamo normale viene messo in discussione o calpestato ogni maledetto giorno.

Non in tutte le parti del mondo la gente è libera di innamorarsi e di sposarsi con chi ama veramente. Non in tutte le parti del mondo si è liberi di lavorare, si è liberi di andare a scuola, di istruirsi. Si è liberi di fare cultura.

Si è liberi di fare Teatro.

Noi, a torto, ci dimentichiamo di quanto siamo fortunati a vivere in quella parte del mondo dove i diritti umani e le libertà fondamentali vengono rispettati. Ogni giorno. E ce lo dimenticiamo perché sono passati troppi anni dalla Seconda Guerra Mondiale. E chi ha vissuto quel terribile periodo, sta scomparendo.

La grandissima maggioranza di noi non ha idea di che cosa significhi vivere ogni giorno con la paura di finire morto ammazzato, perché in casa nostra c’è la guerra. O perché c’è un dittatore che ci vieta con la violenza di dire quello che pensiamo.

Ce lo stiamo dimenticando.

E la Giornata Mondiale del Teatro, ogni 27 Marzo, ci ricorda che la Libertà e la Pace sono qualcosa di prezioso, che dobbiamo alimentare e proteggere. Sempre.

La Giornata Mondiale del Teatro non serve solamente a celebrare quello che tutti noi amiamo, l’emozione di salire sul palco o di sedersi in platea per assistere alla magia del teatro.

Il 27 Marzo serve anche a ricordarci come le arti sceniche siano importantissime per accrescere la cultura di ogni individuo. E quindi di ogni popolo. E ci chiede di alimentare il Teatro ogni giorno.

Il “messaggio internazionale”

Per concretizzare gli obiettivi dell’Istituto Internazionale del Teatro e, in particolar modo, lo scopo della Giornata Mondiale del Teatro, ogni anno viene chiesto ad un importante esponente delle arti sceniche di condividere con il mondo le sue riflessioni sul teatro e sulla pace.

È quello che viene chiamato, appunto, “messaggio internazionale“. Si tratta di un discorso che viene tradotto in diverse lingue, e quindi letto davanti a decine di migliaia di spettatori di teatro, prima della rappresentazione degli spettacoli che proprio il 27 Marzo andranno in scena, in tutto il mondo.

Inoltre il “messaggio internazionale” viene diffuso anche attraverso la stampa, la radio, la tv e internet.

La prima personalità teatrale che ha avuto l’onore e l’onere di esporre il suo “messaggio internazionale” è stato il drammaturgo Jean Cocteau.

Nel corso degli anni molti altri esponenti teatrali hanno avuto questo importantissimo compito, tra cui la grande Judi Dench e il nostro compianto Dario Fo.

Quest’anno, nei teatri di tutto il mondo, potremo ascoltare le riflessioni del pluripremiato regista teatrale, drammaturgo, accademico e professore Carlos Celdràn.

Se sei curioso di leggere le sue riflessioni, ecco il Messaggio Internazionale del Teatro 2019 

La Cerimonia ufficiale della Giornata mondiale del Teatro per quest’anno sarà ospitata in Italia dalla Casa Circondariale di Villa Fastiggi a Pesaro.

L’Istituto Internazionale del Teatro ha infatti deciso di tralasciare l’ufficialità della cerimonia UNESCO a favore di una cerimonia che possa coinvolgere anche i detenuti, le detenute e gli operatori teatrali che lavorano nelle carceri, attraverso la realizzazione di importanti laboratori e stage teatrali.


Il Teatro in Carcere è infatti fondamentale per poter portare avanti la rieducazione del detenuto e perciò il suo eventuale reinserimento in società. Ed ha quindi un valore fondamentale, che ben si sposa con gli obiettivi dell’Istituto Internazionale del Teatro e dell’UNESCO stesso.

 

La Giornata Mondiale del Teatro e Teatro per Tutti

In occasione del 27 Marzo generalmente vengono realizzate messinscene, tavole rotonde e convegni per far sì che il messaggio del Teatro come mezzo per diffondere cultura e pace possa raggiungere più persone possibili. Non è raro, ad esempio, che venga scelta proprio la Giornata Mondiale del Teatro per l’inaguruazione di nuovi teatri o che vengano organizzate giornate “aperte”o offerti biglietti gratuiti o scontati.


Anche noi di Teatro per Tutti vogliamo dare il nostro piccolo contributo a questa meravigliosa giornata.

Per unirci alle celebrazioni e diffondere la cultura del teatro, abbiamo deciso di dimezzare i prezzi dei nostri manuali. Fino alla mezzanotte del 27 marzo puoi quindi scaricare il Manuale di Dizione e il primo numero della collana “Dieci Monologhi” a metà prezzo.

 

 

 

Commenti Facebook

COSA NE PENSI DI QUESTO ARTICOLO?

it_ITItalian
it_ITItalian